Che cos’è la sindrome del tunnel carpale?
  • 27.10.2020
  • 0

Che cos’è la sindrome del tunnel carpale?

La Sindrome del Tunnel Carpale è un disturbo conseguente alla compressione del nervo mediano, che attraversa il polso all’interno del un canale chiamato, per l’appunto, Tunnel Carpale.

Quest’ultimo è una regione anatomica posta alla base del palmo della mano e delimitata su tre lati dalle ossa del carpo e, sul quarto lato, dal legamento Trasverso del Carpo.

Il nervo mediano, insieme a nove tendini flessori, scorre proprio in questo canale e le attività lavorative che necessitano movimenti ripetitivi delle dita e del polso possono essere la causa della infiammazione di tali tendini flessori e quindi della sofferenza del nervo mediano.

I sintomi

Si manifesta solitamente con intorpidimento e formicolio del pollice, dell’indice, del medio o dell’anulare, ma non del mignolo: tali disturbi possono essere intermittenti, per diventare costanti nel tempo, in assenza di un trattamento.

I sintomi del tunnel carpale possono interessare diverse zone innervate dal nervo mediano e, al formicolio alle prime dita della mano, in alcuni casi si accompagna dolore, specialmente nel corso della notte.

Nei casi più gravi può comparire anche un deficit motorio, come debolezza della mano e delle dita, che può anche arrivare a ridurre le capacità di afferrare saldamente gli oggetti.

Rimedi

La sindrome del tunnel carpale può essere curata non appena si palesano i sintomi in diverse maniere:

  • evitando o diminuendo le attività che impegnano il polso, con piegamenti o impugnature strette;

  • assumendo farmaci antinfiammatori, efficaci nel breve periodo per ridurre infiammazione e dolore (non sempre valgono come cura);

  • utilizzando un tutore al polso nelle ore notturne, in modo da stabilizzarlo ed evitare che il nervo subisca una pressione;

  • eseguendo esercizi specifici con le mani, di stretching (allungamento) o di rafforzamento, per cercare di alleviare i sintomi.

È importante rivolgersi al medico nel caso in cui i disturbi si aggravino o persistano.

Se l'applicazione di un tutore al polso non sortisce gli effetti desiderati, il medico potrebbe prescrivere una iniezione di corticosteroidi direttamente nel polso, in modo da alleviare il gonfiore nell'area circostante il nervo.

Se i disturbi sono ancora più intensi e limitano le attività quotidiane, il medico potrebbe prescrivere una visita specialistica per prendere in considerazione l'eventualità di un intervento chirurgico che, liberando il nervo mediano dalla compressione, di solito risolve il problema in via definitiva.

Se desideri approfondire l’argomento oppure porre semplicemente qualche domanda, contattaci. Il nostro team di professionisti sarà felice di risponderti.

Commenti: 0

Non ci sono commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non puo' essere pubblicato . I campi richiesti sono contrassegnati*